Lampada frontale Petzl Iko Core

Escursione gruppo del Viglio

L’azienda Francese Petzl ha presentato a fine estate 2020 Iko Core, una lampada frontale innovativa, che mira a rivoluzionare il mercato. 

Una lampada frontale leggera da 500 lumen, multifunzione e ricaricabile, dotata di fascia elastica AIRFIT.

Attività di utilizzo: Corsa su strada e corsa in montagna (trail running)

Dove l’ho testata: Percorsi in asfalto sprovvisti di illuminazione, percorsi collinari in campagna con fondo misto asfalto/off-road, trails in montagna da semplici a molto tecnici, boschi molto fitti. 

Condizioni tecniche: Allenamenti di corsa su strada e trail running di media/lunga durata nella fase al tramonto/in notturna (da 30’ a oltre 3h di notte). 

Condizioni meteo: Qualsiasi condizioni meteo: sereno, nuvoloso, piovoso con pioviggine/temporali. Temperature fra i 0° e i 25°. A volte forti raffiche di vento.

Durata della prova: 3 mesi, da Ottobre a Dicembre.

Il test

La Petzl IKO Core colpisce a primo impatto. Indubbiamente si fa notare come una lampada frontale “diversa”. 

La priorità di Petzl con Iko Core è stata infatti quella di ripensare e rimodellare l’idea di una lampada frontale con soluzioni e tecniche innovative. Senza la banda elastica tradizionale, senza una grande lampada davanti, si discosta dall’idea che una luce frontale sia da indossare esclusivamente in testa.

Prendendo in mano la Iko Core la prima cosa che colpisce è senza dubbio l’estrema leggerezza. La mia bilancia da cucina segna solo 80 grammi (rispetto ai 79 grammi dichiarati da Petzl). Ottimo il bilanciamento del peso; grazie alla fonte di energia spostata nella parte posteriore, non ci sono praticamente parti pesanti. Si ha quasi l’impressione che sia “vuota”.

Il rapporto peso/prestazioni è eccellente: Iko Core offre 500 lumen alla massima potenza. 

Un pannello luminoso originale con più led, altra innovazione nel mercato delle lampade frontali introdotta da Petzl con Iko Core, fornisce una distribuzione più omogenea dell’illuminazione e una luce bianca e pulita. 

Di serie in quasi tutte le lampade Petzl, la Iko Core ha un paio di impostazioni del fascio luminoso (ampio e misto) insieme a tre livelli di illuminazione disponibili. 

  • Alla minima potenza (max burn, massima durata) i 6lm erogati garantiscono 100 ore di luce. L’illuminazione è piuttosto debole, appena sufficiente per fare escursioni o correre su strade familiari, non sconnesse e senza ostacoli. 
  • Il livello di illuminazione standard (100lm) può illuminare per tutta la notte, grazie a nove ore di autonomia. La luce non è molto potente, ma consente di muoversi in piena notte correndo a velocità moderate.
  • La max Power vanta 500 lm e 2,5 ore di autonomia. L’impressione durante l’utilizzo di iko Core è che il fascio luminoso prodotto dai led non sia così ampio e potente come 500 lumen possano far pensare, in particolar modo se messo a confronto con altre lampade frontali. Nonostante ciò la luce consente di correre agevolmente in piena notte anche a intensità/velocità sostenute, su percorsi molto tecnici/sconnessi e non conosciuti. Quando raggiunge circa il 10% di autonomia, la luce passa automaticamente a un’impostazione di riserva, estremamente utili in caso di emergenza o per tirarsi fuori da situazioni impreviste e “difficili”, come per uscire dal bosco o attendere le prime luci dell’alba. In riserva il fascio luminoso è davvero debole, è necessario quindi procedere con pazienza e a velocità piuttosto ridotte, prestando attenzione. 

Estremamente utile (direi quasi fondamentale) l’indicatore luminoso che all’accensione e allo spegnimento della lampada consente di consultare l’energia residua: se verde è maggiore del 30%, se rosso inferiore al 30%.             

Mi dispiace segnalare che non esiste un’opzione di illuminazione rossa e una opzione di illuminazione intermittente, utili per segnalazioni in caso di emergenza. Nella parte posteriore della lampada sono presenti elementi riflettenti per essere visti di notte.

Una volta messa in testa la Iko Core, la fascia semirigida AIRFIT e il sistema di regolazione posteriore con laccio elastico consentono una regolazione rapida e precisa per ogni utente. L’impressione immediata è quella di un comfort ottimizzato, di grande stabilità della posizione e di un ottimo bilanciamento della lampada. La sensazione fasciante, di stabilità, è simile a quella che si prova indossando un casco da ciclismo con un sistema efficace di regolazione della calzata. 

In azione nelle attività outdoor la lampada si conferma confortevole e stabile, caratteristiche che combinate all’ottimo bilanciamento del peso e alla estrema leggerezza danno quasi la percezione di non averla in testa. Persino durante il trail running a intensità/velocità elevate su fondi tecnici/sconnessi, dove le oscillazioni, gli impatti e le vibrazioni sono davvero significative, la lampada non si sposta di un centimetro e non necessita di fastidiosi e continui aggiustamenti della posizione (come invece accade per molte lampade frontali “tradizionali” con fascia elastica, anche se ben regolata). Dopo qualche minuto si dimentica davvero di indossarla.

Il pulsante di accensione, spegnimento e selezione del livello di illuminazione, è posizionato sotto la lampada. La dimensione abbastanza grande e la posizione in basso consentono un accesso rapido e agevole al pulsante anche durante l’attività, in fasi dinamiche e “concitate”, e consentono di utilizzare il pollice con il risultato di maggior facilità e comfort nelle operazioni. 

Il fascio di luce può essere indirizzato agevolmente più verso l’alto o più verso il basso, anche in attività dinamiche. 

La fascia semirigida AIRFIT è idrofobica, non assorbe né il sudore né la pioggia, il che garantisce un maggior igiene, semplicità e rapidità di pulizia nel post attività. La sottigliezza della fascia elastica favorisce anche una buona circolazione dell’aria durante l’attività.

Nonostante l’esposizione a piogge battenti non ci sono stati segni di malfunzionamento. Direi quindi, impermeabilità IPX4 (resistente alle intemperie) confermata, almeno nei miei test!

Grande valore aggiunto e innovazione della Iko Core, la lampada si ripiega facilmente su stessa per essere posta nella pratica custodia. Ciò garantisce compattezza, facilità e comodità di trasporto durante le attività outdoor, anche in piccole tasche o in piccoli zaini da trail running, dove l’ottimizzazione dello spazio e del peso è davvero d’obbligo.                         

Un’altra grande novità introdotta da Petzl con Iko Core è quella della versatilità di utilizzo in diverse situazioni e posizioni. Questa lampada frontale può infatti essere indossata in testa, nella maniera più “tradizionale”, oppure intorno al collo, garantendo comunque una buona funzionalità in caso di attività senza eccessivi sballottamenti. In ultimo può essere utilizzata come lanterna, accesa all’interno della pratica custodia. 

La Iko Core porta la denominazione “Core” per via della tecnologia Hybrid Concept, che la rende compatibile con batteria ricaricabile Core o in alternativa con 3 pile AAA/LR03 (delle “classiche” mini-stilo), senza la necessità di utilizzare un adattatore. La batteria Core è un singolo pacco batteria, piccolo ed estremamente leggero (23 grammi dichiarati da Petzl), che può essere utilizzato in qualsiasi modello “Core” dell’azienda francese. La batteria Core si ricarica comodamente in 3h (tempo di ricarica dichiarato da Petzl, “spaccato quasi al minuto” nel mio test), tramite cavo usb, anche all’interno del proprio alloggiamento della lampada.

Nel caso di utilizzo intensivo della lampada, consiglio l’acquisto di una seconda batteria Core per limitare inutili sprechi di pile (e denaro sul lungo termine) e inquinamento. Per una completa sicurezza e affidabilità, durante attività di lunga durata consiglio di portare sempre con sé una seconda batteria Core completamente carica o, in alternativa, (almeno) 3 pile AAA/LR03 nuove.

Conclusioni

Una lampada frontale che fa di leggerezza, comfort, compattezza e stabilità i suoi punti di forza. Dotata di ottima potenza in rapporto al peso, l’innovativa illuminazione a led non eccelle in termini di illuminazione, ma garantisce la giusta dose di supporto e sicurezza in tutte le attività outdoor in notturna. 

Grazie alla praticità di trasporto, alla compattezza e al peso davvero contenuto, può risultare davvero il giusto accessorio per un utilizzo frequente e intensivo in attività outdoor in notturna, su percorsi familiari e non eccessivamente tecnici/sconnessi, oppure in attività intense di lunga durata (endurance), come la corsa in montagna, dove il peso e l’ingombro diventano fattori estremamente limitanti la prestazione. 

Valore aggiunto l’alimentazione Core con tecnologia Ibrid Concept, che garantisce affidabilità e sicurezza, senza tralasciare la praticità e il risparmio economico rispetto all’alimentazione a pile. 

Punto indubbiamente a favore è la versatilità di utilizzo.

Guarda i dettagli della Iko Core Petzl sul nostro shop

stage multipitch arrampicata - omino si arrampica su falesia
omino si tiene su corda su falesia
omino si tiene su corda su falesia
omino si tiene su corda su falesia
omino si tiene su corda su falesia
omino si tiene su corda su falesia
omino si tiene su corda su falesia

Home | Alpinismo | Camping | Climbing | Trail Running | Trekking | Viaggio | Eventi | Shop | Scrivi una mail | Chi siamo | Contattaci

OUTDOOR SRL

P.IVA 08372691009
06 723 3494

SEGUICI SU

    

Copyright © 2017 Outdoor Srl All trademarks property of their respective owners